Crea sito

Oltre il “movimento” – l’anarchia!

” Il mondo è una chiesa nauseabonda di avidità e subdolo, dove ognuno ha un idolo da adorare in modo feticistico e un altare sul quale sacrificarsi. »
– Renzo Novatore

L’ambiente anarchico dovrebbe essere, sarete d’accordo, un progetto collettivo di risultati individuali e libertà, aiuto reciproco e solidarietà, comunicazione onesta e responsabilità individuale, attacchi violenti contro istituzioni, leader e strutture di dominio e alienazione, contro la programmazione mentale e il comportamento inconscio, contro la riproduzione della società autoritaria nelle nostre relazioni, pensieri e azioni.

Ma cos’è questa confusione di gerarchie informali, racchette ideologiche, misere cricche, ghetti di identità, aspiranti leader, inganno e pugnalate alle spalle che abbiamo di fronte? esaminiamo attentamente ciò che si definisce auto-definito “ambiente anarchico”, ha qualcosa a che fare con esso? Non molto tranne forse nel discorso o in modo approssimativo. Chiaramente l’ambiente in generale è più interessato a proteggere le fortezze ideologiche, reclutare seguaci, preservare il confort soffocante delle loro scene e, soprattutto, nel condurre il loro innocuo svago, solo attraverso l’anarchia.

Navigare e cercare di trovare un punto di riferimento nel “movimento” può essere molto sconcertante. I giovani, o i nuovi compagni che fanno parte del “movimento” (o meglio, la scena) sono spesso catturati in uno dei “pacchetti” politici o sono costretti a scavare nelle false scelte dei prodotti offerti dalle molte racchette ideologiche. Non appena un sistema di idee è strutturato da un’astrazione sovrana al suo centro – assegnandoti un ruolo o doveri per il proprio interesse – questo sistema è un’ideologia. Un’ideologia è un sistema di coscienza repressiva in cui non sei più un individuo deliberatamente singolare, ma un componente, un ingranaggio.

In questo mondo basato sulle merci, l’immagine della ribellione può essere solo un altro prodotto (poiché si può ridurre a un prodotto di consumo, astrarre e sistematizzare le nostre stesse espressioni di pensiero e desideri in forme alienato), una forma intercambiabile – ideologia. E questo è ancora più sottile e pericoloso quando non siamo consapevoli di ciò che stiamo facendo. Nelle diverse organizzazioni ideologiche, nelle scene e nella maggior parte dei media anarchici, una visione di consenso ravvicinata della realtà è rafforzata attorno a parametri specifici.

La libera comunicazione che va oltre i limiti del discorso di un insider è soffocata da attacchi e derisioni verbali, esclusione fisica, richiami di repressione statale o non accettazione da parte della società, e dal semplice rifiuto dogmatico di pensieri eretici. Come ogni stile di vita o identità nel mercato democratico della società, l’anarchismo ha il suo massimo – che consiste in atteggiamenti, opinioni, mode, attività e prodotti, tutto sotto etichette pratiche.

A questo livello dovrei sottolineare che come persona che ha affinità con altre persone che fanno parte di una tendenza anti-sistema e insurrezionale in tutto il mondo, sono consapevole che “l’anarchismo insurrezionale” o qualsiasi altra cosa, può essere trasformato in un’ideologia da acquistare, o ancora più facilmente trasformato in una moda o stile. Ciò sembra particolarmente vero in alcuni luoghi. Ma forse è dovuto al recupero dell’influenza degli intellettuali di Tiqqun e della loro insurrezione Who Comes, un libro a cui piace il Call, sembra aver influenzato molti giovani radicali, ma sembra essere stato scritto dai marxisti e non tiene conto della responsabilità individuale, del libero arbitrio, del desiderio e della coscienza. La loro insurrezione potrebbe anche arrivare, la mia è già arrivata ed è una rivolta individuale.

Il messaggio collettivista dell’Insurrezione che viene ha ben poco in comune con l’anarchismo insurrezionale: la teoria rivoluzionaria scaturisce dalla rivolta individuale appassionata, mirando all’appropriazione della pienezza della vita per se stessi, attaccando tutto ciò che controlla e sfrutta, cercando elementi comuni e affinità con gli altri, da cui nasce la vera comunità: amici e complici nella guerriglia contro l’intera società autoritaria.

Senza sistemi assoluti di morale, teorie, principi o astrazioni sociali che stanno al di sopra dell’individuo singolare, l’anarchico-nichilista attacca tutti i sistemi, compresi i sistemi di identità e ideologie, in quanto sono ostacoli a auto-realizzazione. La lotta non è solo contro il dominio dell’organizzazione sociale del controllo e delle dimissioni diffuse, ma anche contro il programma di repressione ereditaria e la forza della vita quotidiana, e quindi la nostra lotta è una tensione permanente in cui ciò che dobbiamo distruggere e andare oltre è più ovvio di dove ci condurrà.

Per alcuni, di fronte a questa realtà oppressiva, è sufficiente che rappresentino un sistema sociale (o utopia), alternativo, equo e ragionevole. Altri ancora lo vedono solo come un piacevole paese immaginario, mentre altri in realtà vogliono che la società cambi e suggerisca o (il più delle volte) aderisca a una ricetta (o programma) che vada da un punto Ad un punto B nella trasformazione sociale, per una nuova organizzazione del sistema sociale. È semplicemente una forma di coscienza repressiva (sistemica).

Più spesso, il modo di considerare e presentare questi sistemi sociali alternativi (compresi quelli di molti anarchici) è una semplificazione creata dai gestori di questa società di classe, l’avanguardia che è responsabile della perpetua ristrutturazione sociale del mondo moderno. La democrazia al lavoro, la produzione decentralizzata, le tecnologie “verdi”, il multiculturalismo, ecc., Sono vissute dall’ordine dominante, rafforzandolo.

La teoria dei sistemi sociali astratti (tutti i sistemi sociali sono basati su astrazioni), non fa che rafforzare il dominio. Ma se parti dalla tua stessa vita e rifiuti di essere una componente di qualsiasi cosa, rifiuti di rappresentare altre persone o di avere altre persone che ti rappresentano, abbracciando la tua insondabile unicità Sapendo che tutto ciò che affronti nella vita è una scelta, diventerai un pericolo per l’autorità e l’ordine, un microcosmo di anarchia itinerante.

È quindi un invito ad evitare le gerarchie informali e le cricche del movimento anarchico ufficiale; evitare sistemi ideologici e identità politiche; assaporare il piacere di pensare per te stesso, di seguire i tuoi desideri, la dignità di seguire onestamente verità sconosciute, negazione e passione, senza mettere alcuna astrazione sopra te stesso. In una guerra fino alla fine, contano solo le scelte e tu solo sei responsabile delle scelte che fai.

Analizza i tuoi sentimenti e pensieri, elimina in te stesso qualsiasi sistema morale e ideologico, sii consapevole che il “buon senso” (o meglio la razionalità del consenso sociale) è il più grande supporto dell’esistente. Non aver paura di dove ti stanno conducendo i tuoi combattimenti interni (e esterni).

Distruggi tutti gli idoli, anche e soprattutto gli idoli “rivoluzionari”!

Fonte: AdNihilo 

(pubblicato originariamente su Heresy N° 3, 325 No StateDark Matter

Traduzione (dall’Inglese): Inferno Urbano