Crea sito

Spagna: 14 prigionieri anarchici/libertari partecipano allo sciopero della fame a rotazione

Spagna: 14 prigionieri anarchici/libertari partecipano  allo sciopero della fame a rotazione

Dal 1° settembre scorso almeno 14 detenuti, per lo più anarchici, stanno partecipando a un nuovo sciopero della fame a rotazione contro le precarie condizioni di salute nelle prigioni spagnole. Rivendicano anche un programma in 14 punti contro l´isolamento in carcere (FIES/DERT), le torture e le violenze fisiche e  psichiche delle guardie carcerarie, la dispersione dei prigionieri lontano da casa loro, ecc. Ogni compagno fa 10 giorni di sciopero della fame, uno dopo l’altro, ogni mese 3 detenuti. La violenza nelle carceri spagnole è molto comune, ogni anno 200 detenuti muoiono nelle carceri spagnole in modo violento o a causa della droga, di malattie o per mancanza di cure mediche. Attualmente, in tempi di Corona, le condizioni in carcere sono diventate ancor più insopportabili (cibo cattivo, niente attività, niente visite…).

Nello scorso mese di agosto la nostra compagna Carmen Badía Lachos è stata violata da una guardia carceraria all’interno della parte “ospedaliera” della prigione di Zuera-prision (Saragozza). Soffre di cancro e usa una sedia a rotelle per muoversi, quindi questo psicopatico ha avuto un ‘gioco facile’ nel comportarsi da codardo. Carmen ha scritto  un comunicato pubblico su questo crimine maschilista. L’anno scorso Carmen aveva fatto un lunghissimo sciopero della fame (più di 2 mesi) per denunciare le sue condizioni di salute e per essere rilasciata  a causa del suo tumore incurabile. L’amministrazione del carcere non ha accolto le sue richieste… Il violentatore ha ricevuto minacce di morte da un prigioniero rimasto anonimo.

Il detenuto di lunga durata Claudio Lavazza in agosto è stato riportato in Spagna dopo essere stato giudicato a Parigi per una grossa rapina in banca (nel 1978) dove è stato condannato  a dieci anni di prigione in Francia, 41 anni dopo! Claudio è stato arrestato nel 1996 dopo una rapina in banca a Cordoba dove sono morti 2 poliziotti in un conflitto a fuoco. Anche il nostro compagno anarchico Gabriel Pombo da Silva è ancora in prigione , attualmente nel carcere di Leon. Nel 2013 era stato estradato in Spagna dalla prigione di Aachen, in Germania, con l´accordo preciso che avrebbe solo dovuto finire di scontare la condanna ricevuta in Germania e che, al termine di questa, sarebbe stato libero da tutte le imputazioni precedenti.  Così nel 2016 è tornato libero. Ma la sua libertà in La Spagna non ha avuto una lunga durata… solo perché, secondo l´opinione di un giudice di Girona,  Gabriel dovrebbe finire di scontare anche una sua  condanna trentennale del 1990… che sarebbero 16 anni in più dietro le sbarre! Ma i suoi amici e compagni stanno cercando di portare il caso al tribunale superiore di giustizia, così l’ultima la parola non è ancora stata detta.

Solidarietà con i prigionieri anarchici e rivoluzionari in tutto il mondo!
Abbasso tutte le mura della prigione!

Fonte: RoundRobin