Besançon, Francia: L’occasione che fa la combustione

Gilles e John passeggiano, sabato 16 novembre 2019, per le strade gelate di Besançon.

È il compleanno di Gilles e John. Non hanno voglia di torta. Vogliono un compleanno diverso dagli altri. Uno di quelli che fa la festa agli oppressori e ai loro porta-parole. E capita bene, le strade sono piene di auto d’istituzioni che sono altrettanti pilastri dell’ordine stabilito.

Dopo un anno passato a commuoversi nelle strade, ogni sabato, a prendere a sassate gli sbirri e a spaccare le vetrine di questa società miserabile, sentono bene che la rabbia non c’è davvero più… non sono più pronti a tornare a gelarsi il culo su una rotonda… vogliono qualcos’altro. Allora, dopo una serata passata a evocare questo mondo che brucia, dalla rivolta degli ombrelli a Hong Kong alle gioiose notti insorte di Santiago, mettono i giubbotti, si coprono con berretti e sciarpe ed escono ad affrontare il freddo glaciale della notte.

All’angolo di una strada, Gilles vede una macchina dell’Est Républicain [giornale locale di Besançon e della sua regione] e, parcheggiato proprio davanti, un furgoncino della compagnia telefonica Orange. Ecco, l’occasione che fa… la combustione! John dice allora se incendiano l’auto del giornale, da davanti, ci sono delle buone probabilità che il dietro del furgoncino bruci pure lui (dentro c’é di sicuro un bel po’ di materiale per la fibra ottica). Detto fatto! I nostri due compagni corrono a prendere un cubetto di diavolina ben imballato che hanno nascosto sull’ argine del fiume. Un’ora dopo, tornano a Rue de la Moullière e, mentre John fa il palo, Gilles tira fuori il suo accendino-tempesta, accende il combustibile e lo spinge nel piccolo spazio sotto la targa. Qualche minuto dopo, l’olio del motore prende fuoco, ma i nostri due amici sono già lontani.

Perché l’Est?

Perché sono i migliori amici degli sbirri. L’anno scorso, uno dei loro giornalisti, Willi Graf, é stato visto passare delle foto della manifestazione direttamente alle guardie. Non si contano più tutte le persone condannate a causa delle foto e dei video dell’Est. Sono delle prove sistematicamente versate nei dossier dei processi. Più in generale, l’Est è, come tutti gli altri media, un organo della propaganda dello Stato, che opera ogni giorno affinché nulla cambi, affinché gli sbirri continuino a molestare, mutilare o uccidere, affinche i giudici continuino a rinchiudere e a spezzare delle vite…

Perché Orange ? [la principale compagnia telefonica francese, erede di France Télécom]

Perché sfrutta i/le prigionieri/e, ottimizza i profitti e lo sfruttamento, rafforza il controllo e partecipa al loro mondo di gadget tecnologici… Perché non vogliamo le loro città asettiche e connesse, che chiamano smart cities

Gilles&John

Aspettando la prossima passeggiata…

Fonte: Insuscettibile di ravvedimento

Precedente Monza – CordaTesa in solidarietà a Manuel Successivo Atene, Grecia – Dichiarazione dell’anarchico rifugiato Abtin Parsa