Kiev – L’edificio del Dipartimento di Investigazione Criminale colpito da una bomba incendiaria dal gruppo ” Смельчаки”(Temerari)”

La notte del 10 giugno 2020 l’edificio del Dipartimento di Investigazioni Criminali (Kiev, 25, autostrada Naberezhne) è stato attaccato da una bomba incendiaria.

L’altro giorno sono arrivate notizie terribili da Kagarlyk, in Ucraina, dove la notte del 24 maggio, alcuni agenti di polizia hanno aggredito e violentato una donna che era stata convocata come testimone. I dettagli – i poliziotti hanno messo una maschera antigas su una donna, l’hanno ammanettata e le hanno sparato con le armi di ordinanza sopra la testa – hanno fatto il giro della nazione.

Una notizia simile arriva dall’altra parte del fiume Dnepr, dove i poliziotti che hanno ucciso un bambino di cinque anni a Pereiaslav-Khmelnytskyi sono stati rilasciati su cauzione.

Dall’inizio di questa quarantena la polizia ha invaso le strade di Kiev. La pressione dei controlli e della polizia è aumentata, le ispezioni arbitrarie e ingiustificate sono diventate più frequenti. Come la condotta della polizia nel Podol di Kyiv: fermi e perquisizioni dei passanti sotto falso pretesto, sollecitazioni di tangenti, pestaggi nelle stazioni di polizia.

Questi episodi sono solo dettagli del grande puzzle. Le “riforme della polizia” rimangono una totale perdita di tempo, perché la polizia è uno strumento di violenza nelle mani dello Stato. È criminale di per sé, e tutti i misfatti del suo personale – sono semplicemente manifestazioni estreme del monopolio della violenza.

Con la nostra azione, prendiamo a schiaffi la polizia. Facciamo appello alla società e ad ogni persona affinché si unisca a questo sforzo, non rimanga indifferente, si organizzi e resista attivamente. La gente di Minneapolis, negli Stati Uniti, ci sta dando l’esempio – in risposta all’uccisione razzista di un nero da parte di un poliziotto bestiale, hanno iniziato una vera e propria guerra di strada contro gli oppressori dello Stato e i sadici in uniforme.

La società può proteggersi sia dal crimine che dalla polizia. Ciò richiede determinazione, assistenza reciproca e auto-organizzazione – sviluppando istituzioni di autogoverno e milizia dei popoli.

Incoraggiamo tutti ad agire in modo che tutte le atrocità della polizia e dello Stato non rimangano impunite!
Chiamiamo alle armi!

Смельчаки (Temerari)

AGGIORNAMENTO: I mass-media ucraini e la polizia hanno confermato che l’attacco al Dipartimento di Investigazione Criminale di Kiev ha avuto luogo la notte del 10 giugno 2020. Ci sono notizie che l’incendio ha distrutto almeno un ufficio nell’edificio, alcuni altri sono gravemente danneggiati. Alcuni giornalisti sono riusciti a “collegare” l’attentato con il caso dell’omicidio di Pavel Sheremet.

Pubblichiamo questa nostra traduzione della rivendicazione apparsa su a2day.net  si noti che la traduzione del nome del gruppo è una nostra libera interpretazione e che per chiarezza viene riportato anche il nome originale  in cirillico. Roundrobin.

Fonte: RoundRobin

Precedente Programma completo: TRE GIORNATE CONTRO LE TECNO-SCIENZE Successivo Roma – Comunicato Operazione Bialystok