Crea sito

Italia: La prima udienza del processo per l’Operazione Panico rinviata al 9 ottobre (12/07/2018)

Il 12 luglio ha avuto luogo quella che sarebbe dovuta essere la prima udienza del processo per l’operazione Panico.

In aula erano presenti sia Ghespe che Giova, un nutrito pubblico di compagni e compagne, ed una parte delle persone imputate. Il poco che è stato detto non ci è risultato granché comprensibile, d’altronde il loro è un linguaggio che non ci appartiene, ma grosso modo si potrebbe riassumere così:

Tre delle persone imputate non erano state raggiunte dalla notifica; la riunificazione del processo era stata accettata, ma una settimana di tempo non era stata sufficiente per sbrigare la relativa burocrazia; tra i giudici in commissione era presente un giudice onorario, che secondo una legge recente non può più essere competente per casi di tale gravità, ed è quindi stato assegnato un nuovo collegio di giudici. Per questi motivi, non molto graditi ai PM, che evidentemente speravano in un avvio rapido del processo, l’udienza è stata rinviata al 9 ottobre.

L’unica novità è che alla sagra delle parti civili si è aggiunto il ministero dell’interno; le parti civili in questo processo sono dunque ora: CasaPound, il Bargello (la libreria), Mario Vece (l’artificere), il   amiche, nonostante le vedessero attraverso le sbarre. Presto aggiornamenti sulle prossime iniziative.

Fonte: Panico Anarchico