Crea sito

Grecia: Rouvikonas, Dichiarazione contro la “Repressione della Resistenza”

Atene: dopo essere stati identificati in seguito ad un attacco avvenuto il 21 maggio 2019 contro il Parlamento, in solidarietà con il compagno Dimitris Koufontinas condannato all’ergastolo ed al momento in sciopero della fame, due attivisti del gruppo Rouvikonas devono raccogliere 60.000 euro prima del 14 giugno, altrimenti potrebbero scontare 10 anni di prigione.

Il Primo Ministro ed il Ministero della Giustizia stanno cercando una volta per tutte di imprigionare Giorgos Kalaïtzidis, co-fondatore di ROUVIKONAS ** e Niko, entrambi membri dello stesso gruppo e famosi combattenti della resistenza greca. Entrambi sono perseguiti non per un reato civile, ma questa volta per un crimine. Utilizzando una vecchia legge sulla salvaguardia dei monumenti storici di grande valore – una legge quasi mai usata, destinata alla protezione di luoghi come l’Acropoli o Delfi – lo stato ha trovato un modo per intrappolare i nostri compagni, che fino ad ora erano sempre stati attenti a non attraversare questo limite legale nel commettere reati penali.

Di conseguenza, Giorgos e Nikos rischiano di dover scontare 10 anni di prigione e viene loro chiesto di pagare un gigantesco deposito cauzionale di 30.000 euro ciascuno (60.000 euro in totale) entro il 14 giugno, cioè tre settimane prima delle elezioni legislative. La volontà di utilizzare la legge per imprigionare velocemente diversi membri del gruppo, e offrire uno spettacolo mediatico è chiara.

L’inasprimento della repressione contro il gruppo (la cui ultima condanna risale ad aprile, ed è stata di 3.000 euro, quindi dieci volte meno) è uno degli aspetti utilizzati dallo stato per manipolare l’opinione pubblica. Come parte delle elezioni europee e locali, Tsipras, il primo ministro greco, ha appena chiesto le elezioni parlamentari anticipate e svolgerà il suo ruolo il 7 luglio come outsider di fronte alla destra. La destra che odia Exarchaia (un distretto di Atene ben noto per l’arte e la resistenza), gli anarchici e altri rivoluzionari e che si prepara a consentire a Mitsotakis – il suo capo – di “evacuare Exarcheia in un mese” e “imprigionare i banditi rossi e neri”

Negli ultimi due mesi, Tsipras ha utilizzato tutti gli orrori della destra esercitando la sua posizione di autorità: sei squat di rifugiati sono stati evacuati, il distretto di Exarcheia quotidianamente molestato dalla polizia, un programma televisivo sul distretto che si sta per concludere, il prigioniero politico Koufontinas brutalmente privato dei suoi permessi di uscita per vedere suo figlio, e ora i membri dei Rouvikonas che stanno per andare in prigione.

Questo attacco al movimento di resistenza in Grecia è probabilmente il più duro da quando Tsipras è salito al potere. Nessun gruppo ha resistito così tanto negli ultimi anni come i Rouvikonas: ogni giorno, come un elisir contro il clima di rassegnazione che Tsipras sta cercando di provocare.

Quasi ogni giorno, abbiamo sentito parlare di anarchia e resistenza nelle notizie e sui giornali. Quasi ogni giorno, sempre più persone dicevano che nulla è finito.

Perché la nostra solidarietà è indistruttibile come lo è la nostra volontà di combattere.

Sosterremo i nostri compagni ovunque, con ogni mezzo, mentre lottiamo.

Solidarietà per Giorgos, Nikos e tutti i membri di ROUVIKONAS!

Chiediamo azioni di solidarietà ovunque fuori dalla Grecia!
– come è appena successo due sere fa davanti all’ambasciata greca a Parigi.

Chiediamo supporto finanziario!
– se non riesci a donare, ti preghiamo di condividere.

Anche se non riusciremo ad impedire l’imprigionamento di Giorgos e Nikos, gli altri membri del gruppo saranno almeno in grado di sfuggire ad altre sanzioni meno severe e continuare la lotta.

Rouvikonas, Maggio 2019

Se vuoi partecipare alla raccolta fondi (prima del 14 giugno) trovi tutte le informazioni QUI

Se vuoi effettuare una donazione in contanti i ROUVIKONAS saranno in tour in Italia, Svizzera, Francia e Belgio dal 1 al 9 giugno. Σπύρος si occuperà di tutto. Trovi maggiori dettagli QUI

Se vuoi effettuare un trasferimento o utilizzare Paypal puoi scrivere in francese a [email protected], oppure (solo per i trasferimenti) puoi scrivere in inglese a [email protected]

Se vieni ad Atene fino al 14 giugno ci trovi tutti i giorni al K*Vox, a partire dalle 16.00, ad Exarcheia.

Fonte: enoughisenough14

Traduzione (dall’inglese): Inferno Urbano