Berlino – A fuoco auto aziendale Bosch a Prenzlauer Berg [2/6/2014]

Ordigno incendiario per Bosch Security Systems (vicino a una stazione di polizia), in solidarietà con la rivolta contro la Coppa del Mondo.

Bosch Security Systems elabora sistemi di sicurezza per stazioni ferroviarie ed aeroporti, per banche e autorità amministrative; sicurezza per le persone che trasformano le nostre vite in un inferno da dentro i loro uffici, sicurezza per le banche che causano sofferenza in tutto il mondo ( come ‘Santander’ e ‘Deutsche Bank’), la sicurezza per il flusso di capitali, in modo che alcun sabotatore non tenti nemmeno di interrompere brevemente questa normalità mortale.

Bosch è stato responsabile della ristrutturazione della Metropolitana di São Paulo (Brasile). Lì, come qui, la violenza dovrebbe essere costantemente in aumento, per cui la “sicurezza” andava rinnovata. La soluzione è abbastanza semplice. Quasi 200 telecamere di sorveglianza distribuite su tutta la linea della metropolitana. Costantemente monitorata da un centro di controllo. Ancora una volta un sistema metro è “sicuro”, e tutti sono soddisfatti; il ministero della giustizia, la polizia, i media, l’impresa Bosch ed i suoi accoliti.

Dubbi circa il fatto e il perché la violenza continui ad aumentare, se le telecamere possano scoraggiare o solo ritardare l’atto e su chi, in ultima analisi, possa permettersi il costo complessivo di prendere la metropolitana laggiù – vale a dire, per chi la sicurezza è stata concepita – sono suscettibili di essere menzionati solo di sfuggita .

“Scosso e guidato dalle dinamiche della crisi, lo Stato non può fornire agli strati inferiori qualsiasi integrazione; invece, impone varie forme di repressione e di sorveglianza su di loro “, ha detto ‘die flinken’ (” quelli agili “che hanno attaccato Canon Service Point in Reinickendorf, Berlino, la notte del 21 Marzo 2014) sulla questione particolare delle telecamere. Quello che sta accadendo proprio ora prima della Coppa del Mondo in Brasile, dimostra chiaramente questo. Ci troviamo qui in esplicita solidarietà con tutti coloro che non hanno alcun interesse in una Coppa del Mondo, ma hanno avuto sempre, o solo recentemente scoperto, un interesse nella rivolta!

Vorremmo salutare i vari compagni di Berlino e Lipsia che hanno reso la vita impossibile a diverse imprese di vigilanza ultimamente. Ci piacerebbe anche a salutare i nostri sconosciuti compagni di Neukölln (Berlino) che hanno cercato di far saltare in aria un auto della polizia in via Rollberg. Per i poliziotti in via Storkower Arrivederci a presto. A quanto pare non ci avete visto…

Abbiamo ancora molto da fare …

Gruppo Informale

Fonte: Contrainfo

Precedente Grecia – Prigionieri anarchici in sciopero della fame contro la proposta di legge sulle prigioni di massima sicurezza Successivo Intervista CCF/Alfredo Cospito