Benefit impianto

Benefit impianto, sequestrato e distrutto dagli sbirri durante lo sgombero di Casa Brancaleone

Il 25 gennaio, dopo quattro giorni di resistenza, ha termine lo sgombero di Casa Brancaleone, squat anarchico presente da due anni e mezzo in Piazza Emilio Alfieri nel quartiere Bovisa a Milano.

L’occupazione riguardava un complesso di edifici – una casa di riposo, un asilo e un teatro – rimasti abbandonati per anni. Luoghi che avevano ripreso vita, attraversati da persone che hanno scelto un’esistenza non normata dai dettami della società.

mentre lo sgombero della casa era in corso il giro Punk milanese ha dimostrato di esserci e di voler supportare chi resisteva dentro la casa, organizzando tra le tante cose un concerto sotto le mura di Branca.

Gli sbirri non hanno gradito ed il giorno seguente hanno deciso di caricare il presidio permanente sotto Branca, sequestrando anche l’impianto appartenente in parte alle\ai Punx milanesi. Ricordiamo un infuriato digotto che ha regalato un mixer a un pompiere e il materiale che gli sbirri hanno gettato nel fuoco. nessuna lista del materiale sequestrato è stata consegnata e quindi è come se non ci fosse mai stato.

E’ evidente come gli sbirri non abbiano apprezzato che la normalità del quartiere Bovisa venisse disturbata, ne l’ingente affluenza al concerto del giorno prima. Noi dal canto nostro ci siamo divertitx e per una volta ancora bbiamo avuto modo di mettere alla prova le nostre complicità.

Ora però ci ritroviamo con tutto quel materiale da recuperare. Eravamo assolutamente coscienti della situazione e abbiamo deciso di giocarci tutto pur di supportare i compagni sul tetto. Sembra che anche altra gente in giro per la penisola voglia aiutare a recuperare ciò che è stato perduto e questo ci fa immensamente piacere, potete reprimerci e bastonarci ma sempre al nostro posto ci troverete, più forti e determinatx di prima!

Se qualcunx avrà voglia di passare al concerto del 14 febbraio nella nuova Casa Brancaleone in via Breda 54 avrà modo di contribuire al riacquisto del materiale perduto.

Fa sempre piacere vedere come il Punk abbia ancora molto da dare alle situazioni politiche; che non per tuttx sia diventato una moda; che la nostra attitudine è sempre e comunque contro lo stato e il capitale.

LO SPIRITO CONTINUA

Precedente Manifesto – Finché ci sarà uno Stato non ci sarà mai pace Successivo Basilea, Svizzera: Contro il lavoro - Incendiata una automobile di Adecco